Plasma iperimmune per cura pazienti Covid: le fasi del progetto e i risultati illustrati dai ricercatori

Articolo pubblicato il giorno: 12 Maggio 2020


Carlo Nicora, direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia, ha illustrato il progetto di studio pilota iniziato 17 marzo e concluso l’8 maggio, intitolato ‘Plasma da donatori guariti come terapia per pazienti critici’. “Il plasma donato da soggetti convalescenti/guariti – ha spiegato – è stato già utilizzato per la terapia di varie malattie infettive e, anche se la dimostrazione della sua efficacia e sicurezza richiede ulteriori studi, vari ricercatori hanno segnalato un effetto positivo in termini di riduzione della carica virale, della risposta infiammatoria alle citochine e della mortalità“.

Plasma iperimmune efficace nella riduzione mortalità pazienti
Di fatto, quanto sperimentato e che rientrerà in una pubblicazione scientifica che uscirà nei prossimi giorni, ha dimostrato che “la mortalità dei pazienti in terapia intensiva era tra il 13 e il 20 per cento – ha riferito il professor Fausto Baldanti, virologo del San Matteo di Pavia – e il nostro primo obiettivo era verificare se la terapia con plasma iperimmune riducesse la perdita di vite umane. Abbiamo sperimentato che, utilizzando la nostra tecnica, la mortalità si è ridotta al 6 per cento“. “In altre parole – ha detto ancora Baldanti – da un decesso atteso ogni 6 pazienti, si è verificato un decesso ogni 16 pazienti. Contemporaneamente constatavamo – ha aggiunto – che i parametri erano migliorati al termine della prima settimana, così come la polmonite bilaterale, calata in maniera drastica“.

Le tappe dello studio
L’idea di effettuare questo studio – ha ricordato Nicora – è nata nella prima decade di marzo, tra la seconda e la terza settimana in cui il Covid 19 era presente in Lombardia. Nella prima decade di marzo, quando è stato scritto il protocollo di studio, il Ministero della Salute Italiano il giorno 9 segnalava 8.514 persone positive, di cui il 59,2% ricoverati con sintomi, il 10,3% ricoverati in terapia intensiva; il 30,5% in isolamento domiciliare, il 9,9% guariti“.
I ricercatori hanno pensato quindi di studiare l’effetto della immunizzazione passiva somministrando anticorpi specifici contro il Coronavirus contenuti nel plasma ottenuto dai soggetti guariti.

L’uso terapeutico del plasma
In base a quanto evidenziato dalla letteratura scientifica, “l’uso di plasma da donatori convalescenti – ha detto ancora il direttore generale del San Matteo di Pavia – potrebbe avere un ruolo terapeutico, senza gravi eventi avversi nei pazienti critici affetti da COVID-19; la possibilità di disporre di donatori locali offre il valore aggiunto di dare una immunità specifica acquisita contro l’agente infettivo proprio del ceppo locale, in considerazione del fatto che in altre aree il ceppo potrebbe essere differente; la possibilità di raccogliere il plasma mediante procedura di plasmaferesi con rapidità ed efficacia, mettendolo immediatamente a disposizione del paziente che ne abbia necessità, rappresenta in questo momento una possibilità terapeutica ulteriore“.
La prima domanda alla quale i ricercatori sono stati chiamati a rispondere – ha sottolineato Baldantiera relativa a quali e quanti potevano essere gli anticorpi anti coronavirus presenti nel plasma dei guariti; la seconda: individuati gli anticorpi neutralizzanti, una volta trasferiti passivamente, avrebbero potuto favorire un miglioramento della situazione clinica?
Gli obiettivi che i ricercatori si sono posti sono stati 3: studiare se usando il plasma diminuiva la mortalità nel breve periodo, se questo producesse miglioramenti dei parametri respiratori e di quelli legati all’infiammazione.

Gli anticorpi neutralizzanti
Prendendo il siero di pazienti che hanno superato l’infezione (a due settimane dal primo caso) e aggiungendolo a colture cellulari – ha detto Baldanti – abbiamo visto che il virus si fermava. Quindi c’erano anticorpi neutralizzanti. Bisognava sapere quanti erano presenti“.

Procedura per ottenere il plasma 
Cesare Perotti Direttore servizio Immunoematologia Policlinico San Matteo Pavia:  “una volta stabilito il plasma da raccogliere, bisogna raccoglierlo bene, in sicurezza e in modo rapido. Possiamo fare tutto questo grazie ai separatori cellulari che sono delle apparecchiature in funzione in almeno 36 centri in Lombardia e quindi è una possibilità di raccolta molto vasta e molto ampia, però c’è un percorso, chi si siede a donare il plasma convalescente, quindi è guarito dalla patologia, deve garantire la sicurezza di avere in circolo questi anticorpi“.
Il percorso – ha detto ancora – è un percorso di triage, quindi comporta un lavoro di rintracciamento del soggetto, arruolamento con visita medica accurata – perché non va dimenticata la sicurezza del donatore – e una volta fatto questo percorso, finalmente il paziente convalescente si siede e, in circa 35-40 minuti, si riesce ad ottenere una quantità di plasma standardizzato di circa 600 ml (quantità ottimale da infondere è circa 300 ml, quindi da un solo paziente convalescente si ottengono due dosi di plasma per le cure). E’ una ‘terapia solidale’ e si può fare in tutta sicurezza grazie a queste apparecchiature che sono a disposizione di qualsiasi centro in Lombardia, ma non solo, che è in grado di farle funzionare“.

Studio pilota effettuato su 46 pazienti
Il professor Raffaele Bruno, direttore di Malattie Infettive al Policlinico San Matteo di Pavia ha chiarito come è stato selezionato il campione di pazienti che sono stati coinvolti nello studio pilota. “Questi studi – ha chiarito – si fanno su un numero di pazienti limitato. Gli studi pilota servono a testare un’idea, per capire se si può operare in sicurezza, con determinati criteri. Il nostro era quello di verificare l’efficacia del plasma. Confermata l’idea si può passare a studi con numeri superiori. Criteri di selezione dei pazienti era che avessero di più di 18 anni, il tampone positivo, evidenziassero distress respiratorio, cioè difficoltà di respirazione tali da necessitare supporto di ossigeno o necessità di intubazione, ci fosse una radiografia al torace positiva che mostrasse la polmonite interstiziale bilaterale e avessero caratteristiche respiratorie tali da far preoccupare il clinico sulle loro condizioni. Sono stati arruolati 46 pazienti, l’ultimo l’8 di maggio. Abbiamo finito il follow up che prevedeva come termine la mortalità a una settimana e il non ingresso in rianimazione. Sono stati arruolati tra Mantova e Pavia, con un paziente proveniente da fuori regione, da Novara. Sette erano intubati, tutti avevano necessità di ossigeno, non erano in età avanzata“.

Un raggio di speranza
“Noi dobbiamo ringraziare l’Università di Pavia per il grandissimo lavoro scientifico che è stato fatto prima di cominciare in clinica – ha spiegato Raffaello Stradoni, Direttore Generale dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Mantova – devo dire che quando sono arrivate le prime sacche da Pavia per i nostri clinici è stato un cambio di passo; la cosa che mi ha colpito, io ero in Unità di crisi, è stato vedere persone prima disperate perché non riuscivano a gestire i pazienti, avere finalmente un raggio di speranza. Non conosco ancora gli esiti della sperimentazione, ma sono molto convinto che saranno positivi, proprio per questo motivo‘”

Trattamento facile da effettuare
A colpirmi è stata anche la facilità di questo trattamento terapeutico che davvero è a disposizione di ogni centro trasfusionale – ha detto Stradoni -. Noi abbiamo un ottimo centro trasfusionale che però non è universitario, siamo un’azienda provinciale, tuttavia il nostro centro è stato in grado di raccogliere una grande quantità di sacche, anche con l’aiuto dei donatori e ringrazio Avis, che ha lavorato egregiamente e questo ci ha consentito di raccogliere rapidamente il numero di soggetti che ci era stato assegnato. Tramite poi tutta l’organizzazione che abbiamo a Mantova che è un’equipe consolidata, siamo riusciti a produrre e a fornire dati che adesso verranno valutati. Devo dire che è un trattamento molto efficace a mio parere – ha aggiunto Stradoni – poi i medici si esprimeranno meglio di me ed è una cosa che ci è servita anche per ridare la speranza, e la possibilità di andare avanti. Non posso far altro che ringraziare chi ha pensato a questa iniziativa veramente lodevole- ha concluso – e ci ha consentito di agganciarci

Coronavirus: segui qui gli aggiornamenti della nostra redazione 



SCARICA LA NOSTRA APP:





[aas_zone zone_id="11312"]

ARCHIVIO NOTIZIE

Grana Padano Dop e Prosecco Doc insieme a “Taste of London 2024”: la manifestazione internazionale dedicata alle eccellenze agroalimentari

Grana Padano, il formaggio DOP più consumato al mondo e Prosecco DOC saranno presenti dal 12 al 16 giugno a Londra per festeggiare il ventesimo anniversario di Taste of London, un evento che oramai è diventato un punto di riferimento...

Le grandi voci della musica contro la violenza sulle donne

Grazie all’evento “UNA NESSUNA CENTOMILA” , tenutosi all’Arena di Verona il 4 e 5 maggio, e al risultato della raccolta del numero solidale 45580, attivato dagli operatori telefonici dal 3 all’11 maggio, sono stati destinati 900.000 euro a 21 centri...

Le artistiche Infiorate del Corpus Domini tornano a Spello (Pg)

Le artistiche Infiorate del Corpus Domini, nel weekend dell’1 e 2 giugno 2024 torneranno a colorare le vie e le piazze del centro storico di Spello (Pg), uno dei borghi più belli d’Italia e dell’Umbria. Queste opere floreali, che per...

    Vedi altri...

A Palazzo Ducale la più completa raccolta di antiche monete e medaglie di Mantova e dei Gonzaga

Palazzo Ducale di Mantova e Banca Monte dei Paschi di Siena hanno raggiunto un’intesa per valorizzare la collezione numismatica “Magnaguti-Casero”. Sono già iniziate le attività propedeutiche a garantire l’esposizione a lungo termine all’interno degli spazi museali di Palazzo Ducale, che...

A Mantova la 28esima edizione di Festivaletteratura

Da mercoledì 4 a domenica 8 settembre 2024 a Mantova l’appuntamento con la ventottesima edizione di Festivaletteratura. Il settembre mantovano si apre tra le voci di scrittrici e scrittori da tutto il mondo riuniti dal festival letterario più longevo d’Italia....

“Destinazione Biodiversità”: attività naturalistiche per conoscere i Laghi di Mantova e la Riserva naturale Valli del Mincio

Il programma delle nuove attività naturalistiche organizzate dal Parco del Mincio si intitola “Destinazione Biodiversità” una serie di appuntamenti pensati per conoscere la biodiversità che impreziosisce i Laghi di Mantova e la Riserva naturale Valli del Mincio. Da giugno fino...

    Vedi altri...

In aumento il turismo a Verona e sulla sponda veronese del Lago di Garda

La città di Verona e la sponda veronese del Lago di Garda rappresentano una meta sempre più ambita e apprezzata dai turisti. I flussi turistici nazionali e internazionali, infatti, riconfermano questa tendenza e registrano nuovi dati. Paolo Artelio, Presidente Destination...

Dal 27 al 29 giugno a Verona nuova edizione del festival “Gambe all’Aria”

Un giardino nel cuore di Verona, circondato da alberi e abbracciato dalle antiche mura della città, in via Nievo. È questa la nuova location del festival Gambe all’Aria, arrivato quest’anno alla sua quarta edizione, che si svolgerà da giovedì 27 a sabato 29 giugno. Quest’estate, grazie...

Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere e riduzione delle diseguaglianze

Parità di genere e riduzione delle diseguaglianze sono gli obiettivi in cui l’università di Verona spicca nell’edizione 2024 del ranking in materia di sostenibilità del Times higher education denominato “impact rankings”. Si tratta di un insieme di classifiche che misurano...

    Vedi altri...

Angels in Run 2024: raccolti 5 mila euro per le donne vittime di violenza

1.500 i runner iscritti all’8ª edizione della Angels in Run, l’evento veronese di cui Radio Pico è Media Partner svoltosi lo scorso 5 maggio, nato per dare #piùlucealledonne e dire basta alla violenza di genere. Una manifestazione da record che, attraverso lo...

Il 22 e 23 giugno a Mirandola (Mo), due eventi musicali dedicati al “Signore degli Anelli”

In attesa della seconda edizione del Tolkien Music Festival dedicato al mondo del Signore degli Anelli, prevista per il 2025 a Mirandola, l’Associazione Culturale “Amici della Musica APS” presenta due eventi musicali sulla stessa tematica, che si terranno sabato 22...

Maranello è la prima tappa del “Summer Tour 2024” di Paolo Belli

Il “Summer Tour 2024” di Paolo Belli prende il via dalla sua Emilia. L’appuntamento con il cantante e la sua Big Band è per domenica 16 giugno a Maranello in piazza Libertà alle 21. Il concerto si inserisce nel cartellone...

    Vedi altri...

Il 5 luglio a Mantova il concerto di Umberto Tozzi

Dopo 50 anni di una carriera costellata di successi e riconoscimenti in Italia e nel mondo, più di 80 milioni di dischi venduti e oltre 2000 concerti, Umberto Tozzi annuncia le date dell’ultimo tour “L’ULTIMA Notte rosa THE FINAL TOUR”....

“Dire fare baciare” l’energia esplosiva di Elettra Lamborghini Feat. Shade

Da Venerdì 14 Giugno è disponibile in digitale su tutte le principali piattaforme e in rotazione radiofonica DIRE FARE BACIARE il nuovo singolo di Elettra Lamborghini featuring Shade, l’hitmaker re del freestyle con all’attivo 12 dischi di platino e 4...

Salmo e Zucchero “Sugar” Fornaciari insieme per il brano “Overdose d’amore 2024”

Salmo e Zucchero “Sugar” Fornaciari sono di nuovo insieme per “OVERDOSE D’AMORE 2024”, la versione di Salmo del celebre brano di Zucchero disponibile in digitale dal 14 giugno 2024 e dal 21 giugno in rotazione radiofonica. “OVERDOSE D’AMORE 2024” è...

    Vedi altri...


I commenti sono chiusi.