L’inquinamento dell’aria influenza diffusione e mortalità del Covid-19?

Articolo pubblicato il giorno: 20 Aprile 2020


La diffusione in tutto il mondo del Covid-19 sembra chiaramente presentare, nei diversi focolai, notevoli differenze in termini di tassi epidemici e di mortalità. Queste differenze sollevano importanti questioni relative all’influenza dei fattori atmosferici, naturali come la temperatura e l’umidità o antropici come l’inquinamento, sulla così elevata trasmissibilità e differenza di mortalità della malattia. La complessità dell’argomento lo rende lungi dall’essere risolto, molti aspetti della questione richiedono ulteriori approfondimenti con approcci multidisciplinari e competenze diverse. Un lavoro pubblicato sulla rivista scientifica Atmosphere dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isac) di Lecce e Roma sull’interazione tra inquinamento dell’aria e Covid -19 analizza le attuali conoscenze scientifiche al riguardo, mettendo in evidenza i dati noti, le conclusioni che se ne possono trarre e gli aspetti che necessitano di ulteriori studi per una migliore comprensione.

“Il lavoro affronta il problema con due distinte domande, riguardanti una l’influenza dell’esposizione pregressa a inquinamento atmosferico sulla vulnerabilità al Covid -19 e l’altra il meccanismo di trasporto per diffusione in aria senza contatto”, spiegano Daniele Contini e Francesca Costabile di Cnr-Isac. “È plausibile che la già avvenuta esposizione di lungo periodo all’inquinamento atmosferico possa aumentare la vulnerabilità degli esposti al Covid -19 a contrarre, se contagiati, forme più importanti con prognosi gravi. Tuttavia, deve ancora essere stimato il peso dell’inquinamento rispetto ad altri fattori concomitanti e confondenti. Peraltro, gli effetti tossicologici del particolato atmosferico dipendono in maniera rilevante dalle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, per cui non è immediato tradurre valori elevati dei parametri convenzionalmente misurati (PM2.5 e PM10), senza ulteriori caratterizzazioni, in una spiegazione diretta dell’aumento della vulnerabilità al Covid -19 o delle differenze di mortalità osservate. I dati recenti mostrano focolai in aree caratterizzate da livelli di inquinamento molto diversi tra loro, ma i dati sui contagi sono viziati da rilevante incertezza, legata all’attendibilità, precisione e completezza conteggi e alla modalità di esecuzione dei tamponi”.

La ricerca affronta inoltre la plausibilità della trasmissione del virus in aria (detta “airborne”). “Un tema attualmente molto dibattuto e ritenuto dagli autori dello studio plausibile, anche se non è ancora stato determinato quanto incida rispetto ad altre forme di trasmissione quali il contatto diretto e il contatto indiretto tramite superfici contaminate”, prosegue Contini. “La trasmissione airborne può avvenire su due diverse strade: attraverso le goccioline di diametro relativamente grande (> 5 µm), emesse da una persona contagiata con starnuti o colpi di tosse, che sono rimosse a breve distanza (1-2 metri) dal punto di emissione; oppure attraverso il bioaerosol emesso durante la respirazione e con il parlato, o il residuo secco che rimane dopo l’evaporazione, generalmente di dimensioni più piccole (< 5 µm), che può rimanere in sospensione per tempi maggiori”.

I margini di incertezza sono dunque ampi. “Per valutare correttamente la probabilità di contagio attraverso quest’ultimo meccanismo, si deve inoltre distinguere tra ambienti interni (indoor) ed esterni (outdoor) ed è necessario tenere conto di molti parametri, tra cui le concentrazioni di virus in aria e il loro tempo di vita, due parametri poco noti: per il tempo di vita si parla di circa un’ora in condizioni controllate di laboratorio, mentre in esterno il tempo potrebbero essere ridotto dall’influenza dei parametri meteorologici come temperatura, umidità e radiazione solare, che possono degradare le capacità infettive del virus”, osservano i ricercatori Cnr-Isac. “In esterno, le concentrazioni di virus rilevate in aree pubbliche a Wuhan sono al limite della rilevabilità (< 3 particelle virali/m3), in confronto alle tipiche concentrazioni di particolato nelle aree urbane inquinate, che possono arrivare a 100 miliardi di particelle/m3. Pertanto, la probabilità di trasmissione con questo meccanismo in outdoor sembra essere molto bassa. Vi può ovviamente essere una maggiore probabilità in specifici ambienti indoor, come ospedali e aree in cui i pazienti sono messi in quarantena, o mezzi pubblici in cui viaggino molti contagiati. In questi ambienti, la sorgente è più intensa e la dispersione del virus in aria più limitata in termini spaziali, per cui si possono osservare concentrazioni più elevate e condizioni microclimatiche più favorevoli alla sopravvivenza del virus. In questi ambienti, è consigliabile mitigare il rischio per le persone suscettibili mediante la ventilazione periodica, la decontaminazioni delle superfici e l’utilizzo di sistemi di condizionamento con tecnologie appropriate, per limitare la circolazione di bioaerosol nell’ambiente indoor”.

Coronavirus: segui qui gli aggiornamenti della nostra redazione



SCARICA LA NOSTRA APP:






ARCHIVIO NOTIZIE

La transizione ecologica tra Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia

L’Emilia-Romagna è ogni giorno un po’ più verde. Grazie alla campagna regionale “Mettiamo radici per il futuro” sono già oltre 630mila gli alberi piantati. La seconda fase dell’iniziativa prevede la distribuzione gratuita di 4,5 milioni di alberi, per costruire boschi...

Una Gift Card sotto l’albero di Natale

Il mercato delle carte regalo e dei buoni acquisto è in continua crescita secondo il recente studio “Italy Gift Cards Market” realizzato dalla società Allied Market Research. I dati raccontano di un giro d’affari che passerà dai 5,7 miliardi di...

OTB Foundation e UNHCR costruiscono una nuova scuola in Mozambico

In occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che ricorre sabato 20 novembre, OTB Foundation e UNHCR annunciano la partnership che porterà alla realizzazione di una nuova scuola in Mozambico. Tra i diritti riconosciuti nella Convenzione ONU...

    Vedi altri...

Dicembre a Ostiglia tra musica e tradizioni

Dopo la sospensione dell’anno scorso per emergenza sanitaria da Covid, torna la nuova edizione del “Dicembre ad Ostiglia“: 23 gli eventi in calendario per l’intrattenimento rivolto al pubblico dei bambini, delle famiglie, dei giovani, con novità nel settore enogastronomico per...

Natale in centro con Confcommercio Mantova e Radio Pico

A Natale Mantova è ancora più bella! Confcommercio e Radio Pico vi aspettano domenica 5 e domenica 19 dicembre in centro storico per due pomeriggi di divertimento in una magica atmosfera di festa. Con tanta musica, animazioni itineranti e sorprese...

Il “Festival della Bellezza” si chiude con Alessandro Barbero e Giordano Bruno Guerri

L’itinerario “poetico” del Festival della Bellezza, dedicato quest’anno a Dante, si conclude all’Auditorium del Vittoriale di Gardone Riviera con uno dei suoi appuntamenti più attesi. Sabato 4 dicembre, alle 18.30, Alessandro Barbero e Giordano Bruno Guerri racconteranno Dante e l’Italia,...

    Vedi altri...

La musica anni ’60 per le vie di Verona

A Verona sta tornando la musica anni ’60. Domenica 5 dicembre, in Gran Guardia, l’atmosfera si riscalderà con il concerto “Verona Beat. Natale, auguri & musica”. Lo spettacolo, ad ingresso gratuito, rientra nella rassegna “Quartieri in musica“. Sul palcoscenico, alle...

Tutto è pronto per la Babbolake, la corsa dei Babbo Natale sul Lago di Garda

Tutto è pronto per la prima edizione della Babbolake, che si disputa domenica 5 dicembre 2021. Si tratta di una iniziativa nuova e innovativa, che si propone di unire il territorio gardesano e di valorizzare quello che è già patrimonio...

A Verona si racconta la storia di Santa Lucia

Torna anche quest’anno la full immersion di Modus Spazio Cultura, dedicata a Santa Lucia. Un appuntamento adatto a tutti, grandi e piccini, in replica per quattro giorni. Nello spazio teatrale di piazza Orti di Spagna si andrà in scena giovedì...

    Vedi altri...

“Donne in centro” e Avis Mirandola unite contro la violenza sulle donne

“Donne in centro” ed Avis Mirandola contro la violenza sulle donne. Ancora una volta insieme, le due associazioni proporranno un ricco programma di iniziative. Gli eventi culmineranno sabato 27 novembre alle 21, all’Auditorium “Rita Levi Montalcini” con la serata “Incontro...

È il momento del Superzampone a Castelnuovo Rangone

Sta per tornare la festa del Superzampone, il 4 e 5 dicembre, nel centro storico di Castelnuovo Rangone in provincia di Modena. La 32esima edizione della manifestazione, non prevede quest’anno il tradizionale taglio dello zampone, per evitare assembramenti nel rispetto della...

Stanziati fondi per i Caregiver

Si prendono cura in modo continuativo, a titolo non professionale e gratuito, di una persona cara affetta da malattia cronica. Oppure di anziani gravemente non autosufficienti e persone con disturbi psichici o malattie neurodegenerative. Problemi che talvolta si intrecciano, comportando situazioni...

    Vedi altri...

I primi nomi dei cantanti in gara a Sanremo 2022

Svelate da poche ore le prime indiscrezioni sui cantanti in gara alla 72esima edizione del Festival di Sanremo, che si terrà dal 1 al 5 febbraio 2022 al Teatro Ariston.  La lista completa dei 24 nomi verrà comunicata il 15...

Cesare Cremonini torna con un volo di “Colibrì”

E’ fuori dal 1° dicembre “Colibrì”, il nuovo singolo di Cesare Cremonini, disponibile su tutte le piattaforme digitali e on air anche su Radio Pico. Il brano è il primo estratto dal nuovo attesissimo album, “La ragazza del futuro”, in...

“Natale” è il nuovo singolo di Paolo Belli per le feste

È “Natale”, cover della ballad di Francesco De Gregori, il singolo che Paolo Belli ha scelto per questa fine 2021. La canzone sarà disponibile per il download dal 3 dicembre.   Si tratta di un brano molto caro all’artista, che...

    Vedi altri...


I commenti sono chiusi.